LOCANDINA_MEGUMI

Megumi. Storie di rapimenti e spie della Corea del Nord

Lei è Megumi Yokota, una ragazzina giapponese rapita all’età di 13 anni, forse per sbaglio, nel lontano 1977 a Niigata, dalle spie nordcoreane di Kim Jong-il. Megumi è diventata, suo malgrado, il simbolo di una tragedia che ha coinvolto decine e decine di vite: quella dei rapimenti di cittadini giapponesi – e non solo – da parte delle spie nordocoreane. Nel contesto di conflitti e di nodi storici ancora oggi irrisolti, questo genere di tensioni rischiano di diventare una minaccia costante: quella di una nuova guerra. La sua storia è oggi un libro Megumi – Storia di rapimenti e spie della Crea del Nord firmato da Antonio Moscatello.

Se ne parlerà il prossimo 10 aprile alle ore 15.00 al Dipartimento Italiano di Studi Orientali (ISO). Ad introdurre le vicende narrate nel libro e l’autore sarà il Prof. Marco Del Bene, docente alla Sapienza di Roma e presidente ASCIG.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi